Il Blog della Fondazione

Il team guidato dal prof. Morandi scopre un nuovo meccanismo di resistenza ai farmaci nel tumore al seno

Un team di ricercatori guidato dal prof. Andrea Morandi (Centro di Senologia AOU Careggi), facenti parte della Breast Unit coordinata dal "nostro" prof. Icro Meattini, ha identificato un nuovo meccanismo che permette alle cellule tumorali di diventare insensibili a una classe di farmaci antitumorali utilizzati nel trattamento del carcinoma mammario positivo per recettori ormonali.

Un importante passo avanti nella lotta contro il carcinoma mammario

Nell’ambito della somministrazione della cosiddetta terapia endocrina per casi di carcinoma mammario positivo per recettori ormonali, si è visto che molti pazienti tendono nel tempo a sviluppare una resistenza dovuta alla capacità delle cellule tumorali di metabolizzare alcune sostanze e, per questo, arginare del tutto gli effetti del trattamento. Se per lungo tempo si è pensato che lo zucchero, in particolare il glucosio, fosse la sola molecola essenziale per le cellule tumorali in questo processo, oggi si è raggiunto una nuova consapevolezza: utilizzando modelli cellulari e animali, e supportandolo con materiale derivato da pazienti affetti da carcinoma mammario, è stato scoperto che i tumori resistenti alla terapia hanno la capacità di fare scorta di nutrienti, sotto forma di goccioline lipidiche. Dunque, le cellule resistenti non solo sono in grado di metabolizzare il glucosio, ma riescono ad adattare il loro metabolismo ed utilizzare molecole lipidiche complesse, cosa che apre la strada a nuovi svariati scenari di trattamento.

Lo studio, pubblicato oggi sulla rivista Science Translational Medicine, è il risultato di una collaborazione internazionale che ha coinvolto, tra gli altri, l’Istituto Curie di Parigi, Biodonostia e Ikerbasque di San Sebastian, il Swiss Institute for Experimental Cancer Research di Losanna e l’Istituto IFOM AIRC di Milano.

Un importante contributo della ricerca italiana e della FRO

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il gruppo di Radioterapia Oncologica di AOU Careggi afferente alla FRO (Fondazione Radioterapia Oncologica Onlus).
Siamo orgogliosi di aver contribuito a questo importante risultato: la collaborazione tra ricercatori di aree scientifiche multidisciplinari, di cui la Breast Unit di Careggi è grande esempio, è fondamentale per il progresso della medicina e per la lotta contro il cancro.

Un futuro più promettente per le pazienti con tumore al seno

La scoperta del team del Prof. Morandi e di tutta la Breast Unit rappresenta un importante passo avanti nella lotta contro il tumore al seno e offre nuove speranze alle pazienti con forme di malattia resistenti alle terapie attualmente disponibili, gettando le basi per scoperte ulteriori sul comportamento dei tumori più resistenti e per individuare nuove promettenti terapie.